Aggiornamento ZANBA: I primi campioni sono arrivati!

Ci è voluto più tempo di quanto pensassimo, però il primo lotto di campioni di piante è finalmente arrivato! A giudicare dalle condizioni della scatola, il viaggio è stato difficile, ma i campioni sono in buone condizioni e non mostrano segni di muffa. Posso iniziare subito con la preparazione, e dovrebbero essere pronti per la lavorazione chimica entro la fine della settimana prossima.

I primi passi nella lavorazione dei campioni sono di tipo fisico: i campioni devono essere congelati per qualche ora, e quindi liofilizzati per un paio di giorni. Per ogni punto della mappa vi è un totale di tre campioni: dopo che ciascun gruppo è stato sottoposto a liofilizzazione, i campioni vengono frantumati e miscelati per creare un singolo campione omogeneizzato per ogni punto. I campioni omogeneizzati saranno trattati chimicamente prima di essere sottoposti all’analisi dello stronzio.

Dodici gruppi di campioni sono già nel congelatore e saranno processati al liofilizzatore entro la fine del giorno. Un ottimo passo avanti!

Dodici gruppi di campioni nel freezer
This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 839517.​

Aggiornamento ZANBA: I primi campioni sono in transito!

Grandi notizie per ZANBA: il primo lotto di campioni botanici per la mappatura isotopica della Sardegna centrale è in viaggio per Cardiff! Davide ha iniziato nel migliore dei modi il lavoro sul campo, avendo già raccolto i campioni da31 dei 137 punti totali.

Ciascuno dei 137 punti si trova all’interno di una particolare zona litologica, con le zone più grandi rappresentate da un numero maggiore di punti. Il campionamento consiste nel prelevare foglie da alberi e alti arbusti: questi campioni devono, quando possibile, provenire da tre specie diverse situate entro un raggio di 500 metri intorno ad ogni punto. Il prelievo di tre campioni per punto ci consente di eseguire un campionamento omogeneizzato:  in questo tipo di campionamento, le foglie dei tre campioni vengono liofilizzate, macinate e accuratamente miscelate per creare un campione di laboratorio tale da rappresentare la variabilità nell’area intorno a ciascun punto. Il campionamento omogeneizzato ci aiuta inoltre a creare un isoscape più rappresentativo, che risulti quindi meno influenzato da eventuali anomalie relative ad uno dei campioni.

I campioni dovrebbero arrivare la prossima settimana: non vedo l’ora di entrare in laboratorio per iniziare a trattarli!

This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 839517.​

Aggiornamento ZANBA: Benvenuto Davide Schirru!

Davide nel corridoio principale del nuraghe arcaico Seneghe di Suni, Sardegna.

È stata dura far decollare il progetto ZANBA nel bel mezzo di una pandemia, ma sono lieta di annunciare che le cose si stanno finalmente muovendo. È particolarmente emozionante accogliere nella squadra l’archeologo sardo Davide Schirru! La ricerca di Davide si è sinora svolta nell’area dello studio: questa vicinanza gli darà l’opportunità di raccogliere campioni vegetali provenienti da tutta la Sardegna centrale. Davide mi invierà questi campioni all’Università di Cardiff, dove li preparerò e analizzerò per studiarne i rapporti isotopici dello stronzio. Ancora una volta, l’importanza di un network di rapporti consolidato è dimostrata dalla sua capacità di rimuovere ostacoli e allo stesso tempo sostenere la nostra resilienza!

La precedente ricerca di Davide si è concentrata sull’archeologia del paesaggio di Sardegna nell’età del Bronzo. L’ottimo stato di conservazione dei paesaggi preistorici della Sardegna offre un’opportunità eccezionale per indagarne i sistemi insediativi e per condurre uno studio approfondito del rapporto uomo-ambiente. Davide è particolarmente interessato allo sviluppo di analisi in ambiente GIS (Geographical Information Systems, Sistemi Informativi Territoriali), così come di analisi statistiche e quantitative delle proprietà spaziali dei paesaggi archeologici, portandolo a sviluppare un parallelo interesse nei linguaggi di scripting e programmazione. Davide sta attualmente completando il suo dottorato di ricerca in archeologia preistorica presso l’Università La Sapienza di Roma.

This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 839517.​